Aggregatori di feed: servono a qualcosa?

Gli aggregatori di feed sono utili?

No, non sto parlando di feed reader come Google Reader (o simili), che sicuramente sono indispensabili a chi deve leggere quotidianamente qualche decina (o centinaia…) di fonti.

Sto parlando di quei siti (anzi, generalmente si tratta di blog) che aggregano a loro volta i contenuti di altri blog, generalmente “succhiando” il loro feed.

Da parecchi mesi vi è un proliferare di tali “contenitori”, dei quali fatico a vederne l’utilità… almeno per 4 motivi:

  1. Generano contenuti duplicati…
    … che sono odiati da Google. I motori di ricerca amano infatti i contenuti unici, originali, di qualità.
    Ecco cosa dice Google sull’argomento:
    “Se riscontri che un altro sito duplica i tuoi contenuti appropriandosene indebitamente e ripubblicandoli, è improbabile che ciò influisca negativamente sul posizionamento del tuo sito nelle pagine dei risultati di ricerca di Google. Se rilevi un caso particolarmente evidente, non esitare a compilare una richiesta DMCA per rivendicare la proprietà dei contenuti e richiedere la rimozione dell’altro sito dall’indice di Google.”
    In 2 parole: il “duplicatore” non rischia di danneggiarti, ma Google, se lo segnali, lo può rimuovere dai suoi indici.
  2. Vengono generalmente eliminati dai motori
    E’ vero, certi aggregatori riescono a godere di una buona visibilità, ma è solo temporanea: dopo poche settimane/mesi vengono inesorabilmente spazzati via da Google & Co. (vuoi per miglioramenti dell’algoritmo, vuoi per la segnalazione di qualche utente).
    Si tratta quindi di una “gloria effimera”, sia per l’aggregatore (che finirà per sparire), sia per i siti inclusi in esso (che, sparendo l’aggregatore dai motori, non riceveranno più alcun tipo di traffico).
  3. Possono dare visibilità ai piccoli…
    … ma attenzione! Se il tuo blog ha pochissimi link in ingresso e un bassissimo trust, l’iscrizione a questi aggregatori potrebbe risultare addirittura controproducente: nel 99% dei casi, il post (ri)pubblicato sull’aggregatore potrebbe infatti posizionarsi nei motori prima del tuo post originale, sottraendoti di conseguenza tutti i possibili accessi!
  4. Sono spesso scorretti
    Mi è capitato di ritrovarmi in molti di questi aggregatori senza essermi iscritto (sono arrivato a pensare che ci sia qualcuno che si diverte a segnalare il mio feed a destra e a manca 😀 ).
    Nella maggioranza dei casi, copiano integralmente il feed, senza dare un backlink alla fonte originale; in alcuni casi eliminano pure tutti i link inclusi all’interno del post.
    Solo pochissimi hanno la correttezza di linkare la fonte e di utilizzare l’articolo solo parzialmente: e sono questi gli unici che ti possono davvero portare traffico e visibilità.

Contromisure

  1. Richiedere la cancellazione
    Se ti senti in qualche modo danneggiato, il primo passo è quello di esigere (tramite una semplice email) la rimozione del tuo feed dall’aggregatore in questione: scrivi al webmaster un messaggio educato (ma fermo), nel quale richiedi la rimozione del tuo feed dall’elenco.
  2. Inserire link ad altri tuoi post
    E’ sempre bene utilizzare i link di approfondimento, sia verso risorse esterne che verso pagine interne.
    Se ti abitui ad inserire in ogni post uno o più link verso altri tuoi post correlati, ottieni il risultato di prendere enne link dall’aggregatore, e contestualmente di portare il lettore a conoscere/leggere il tuo blog (quando, cliccando sul link, va ad approfondire l’argomento trattato).
  3. Usare Feed Footer
    Se il tuo blog è su piattaforma WordPress, c’è un plugin che sicuramente ti sarà utile: sto parlando di Feed Footer.
    Feed Footer consente di “incollare” in coda ai post (e solo ai post all’interno del tuo feed, non a quelli pubblicati sul tuo blog) un pò di codice HTML: cosa significa? che potresti inserire nel footer di ogni post un link verso il tuo sito, o addirittura un tuo banner pubblicitario (magari, con all’interno, un bel link di affiliazione)… che verrebbe di conseguenza pubblicato all’interno dell’aggregatore 😀

Concludendo

Io sono per leggere le notizie direttamente dalla fonte, non all’interno di “calderoni” dove risultano mescolate con altri contenuti spesso poco a tema e di scarsa qualità (se non addirittura inutili).

Potrebbe magari interessarmi un “mega-feed” che raggruppa i migliori feed di siti/blog/forum (italiani e stranieri), relativi agli argomenti di nicchia che mi interessano… ma quali differenze avrebbe con l’elenco delle fonti che ho già provveduto a vagliare (con tanto tempo e pazienza) e quindi ad inserire nel mio amato reader? nessuna!

Attendo il tuo punto di vista 🙂

42 Comments

  1. Darkmagister 25 agosto 2008
  2. Marco 25 agosto 2008
  3. Tagliaerbe 25 agosto 2008
  4. Esperto Seo 25 agosto 2008
  5. pianetapda 26 agosto 2008
  6. Tagliaerbe 26 agosto 2008
  7. PianetaPDA 27 agosto 2008
  8. GuzziForever 28 agosto 2008
  9. LeggiNotizie 12 settembre 2008
  10. Davide 29 gennaio 2009
  11. Andrea 4 febbraio 2009
  12. Alb3rt1 4 febbraio 2009
  13. Tagliaerbe 4 febbraio 2009
  14. recenso 28 febbraio 2009
  15. flapane 28 aprile 2009
  16. recenso 28 aprile 2009
  17. flapane 28 aprile 2009
  18. recenso 28 aprile 2009
  19. flapane 28 aprile 2009
  20. Addami 9 settembre 2009
  21. Pietro 13 luglio 2010
  22. iun 1 settembre 2010
  23. Aggregatore SEO e Web Marketing 3 settembre 2010
  24. Pupugnao 14 novembre 2010
  25. Tagliaerbe 14 novembre 2010
  26. Davide Rutigliano 16 dicembre 2010
  27. Giovanni Arena 18 dicembre 2010
  28. Dr.Tarr 24 gennaio 2011
  29. Angela 9 aprile 2011
  30. valeria 9 aprile 2011
  31. Sky 4 agosto 2011
  32. Fotovoltaico 7 agosto 2011
  33. Fotovoltaico 7 agosto 2011
  34. Gino 27 settembre 2011
  35. Sandro M. 27 settembre 2011
  36. gliannidelmalto 9 febbraio 2012
  37. Ercy 29 maggio 2012
  38. Turismo in 27 luglio 2012
  39. giorgio 12 agosto 2012
  40. ferruccio 28 maggio 2013
  41. Giona 21 novembre 2013
  42. Francesco 15 aprile 2016

Leave a Reply