17enne guadagna $ 70.000 al mese …

Ashley Qualls

Dopo la blogger 15enne da 900 dollari al mese, ho appena letto la storia di un’altra ragazzina (questa volta 17enne), che con un suo sito sta facendo una fortuna (e qui non parliamo di qualche centinaio di verdoni al mese).

Ashley Qualls (questo il nome della teenager) riesce infatti ad intascare circa 70.000 dollari al mese, grazie ad un sito (Whateverlife.com) che offre gratuitamente layout per MySpace.

Il website in questione pare faccia qualcosa come 7 milioni di visitatori al mese e 60 milioni di pageview, cosa che ha permesso alla giovane di incamerare fino ad oggi oltre 1 milione di dollari (e di rifiutare una offerta di “buyout” per 1,5 milioni).

La storia è da sogno americano: Ashley apre Whateverlife.com nel 2004 (all’età di 14 anni), e nel 2005 è già costretta a passare su di un server dedicato (a causa dell’enorme traffico che il sito generava). Non è però in grado di pagare la retta mensile del server, e il suo hoster le suggerisce di inserire sul sito gli annunci pubblicitari di Google.

Il suo primo assegno di AdSense fu di 2.790 dollari, superiore allo stipendio di sua madre.

E superiore allo stipendio della maggior parte degli italiani che lavorano su Internet (aggiungo io).

Tre punti su cui meditare:

  • il mercato dei teenager (che passano sempre più tempo collegati ad Internet) è molto ampio, interessante e redditizio;
  • un sito che offre servizi gratuiti può fare parecchi soldi (un altro esempio? Markus Frind col suo PlentyOfFish);
  • certe cose capitano solo negli USA… facciamo un sito in lingua inglese, o ci trasferiamo là? 😀

Fonti: FastCompany.com e doshdosh

13 Comments

  1. pluto 3 settembre 2007
  2. Gianni 3 settembre 2007
  3. AleViga 3 settembre 2007
  4. Bluebimba 3 settembre 2007
  5. IlDuca 4 settembre 2007
  6. Tagliaerbe 4 settembre 2007
  7. nessuno77 5 settembre 2007
  8. Marco 5 settembre 2007
  9. comunicati 7 settembre 2007
  10. Rob 11 febbraio 2008
  11. rankfirst 23 dicembre 2008
  12. bizbiz 4 marzo 2009
  13. luca 5 febbraio 2010

Leave a Reply