LinkLift : compravendita di link… in italiano !

Un mesetto fa, intervistavo il boss di Text Link Ads, il più noto marketplace di link testuali disponibile sul web: uno dei (pochi) difetti di Text Link Ads è l’interfaccia esclusivamente in inglese, oltre alla mancanza di un categorizzazione dei siti in lingua italiana.
A questi 2 problemini ha posto rimedio LinkLift, piattaforma di compravendita di text link sbarcata sulla Penisola un mesetto fa (e completamente localizzata in italiano): visto il costante interesse dei SEO circa il tema dell’acquisto/vendita di link testuali, son certo che gradirete questa breve intervista a Valentina Baraldi, Country Manager Italia presso LinkLift Ltd.

Ciao Valentina, per cominciare, parlaci della storia di LinkLift.
LinkLift è una piccola impresa fondata nell’agosto 2006 ed è sul mercato dall’ottobre 2006. Nonostante la recente formazione, l’impresa si è guadagnata fin da subito il primato, ponendosi come market leader all’interno del settore tedesco. Al momento stiamo lavorando con più di 1.000 website. Il feedback iniziale è positivo, stiamo ora conducendo una campagna di internazionalizzazione verso il mercato italiano, nel quale siamo presenti da circa 4 settimane; stiamo partendo nel mercato spagnolo e inglese e, a breve, saremo presenti anche su quello polacco e francese.

In Italia questo mercato sembra sottosviluppato, nel resto del mondo molto evoluto. Esiste un motivo?
Un motivo?! Piacerebbe scoprirlo anche a me! Quello che posso dire è che questo mercato dipende in linea di massima dal numero di pagine di buona qualità, in grado di commercializzare links. Le pagine a cui mi riferisco sono generalmente blogs, ricchi di contenuto e con numerose interconnessioni. Di conseguenza tale situazione di “sottosviluppo” del settore potrebbe dipendere dallo stato attuale della blogosfera italiana.

Con quale criterio determinate il prezzo di un link?
Valutiamo manualmente ogni pagina. Dall’esperienza maturata sul mercato tedesco, è emerso che approviamo approssimativamente 1 pagina su 4. La rigorosa selettività mira a garantire la qualità delle pagine del nostro servizio, così da permettere ai nostri clienti di comprare links senza conoscere le url. Il prezzo di ogni link viene determinato in base al PageRank della pagina, alla struttura dei Backlinks, ossia numero e relativo PR dei Backlinks, all’età del dominio, al numero di followed external links, e a seconda della posizione in cui l´annuncio viene collocato.

Dimmi la tua opinione circa il recente post di Matt Cutts su “How to report paid link“, ripreso anche nelle linee guida di Google (“Perché devo segnalare a Google i link a pagamento?“)
E’ comprensibile, per non dire ovvio, che Google desideri che gli investimenti nel settore siano orientati ad Adwords e non verso altri sistemi di concorrenza! Pertanto trovo che la dichiarazione non sia così sorprendente…
Tuttavia visto che i links a pagamento con pertinenza di contenuto non sembrano alterare l’index di Google, Google stesso dovrebbe esserne favorevole, o almeno indifferente.
Naturalmente non si deve solo puntare ai links a pagamento. E’ importante avere una buona combinazione di links a basso PR, per i quali è possibile procedere autonomamente, e di links forti, con PR 3-7, presenti all´interno del nostro catalogo. Una combinazione equilibrata di links dovrebbe quindi garantire una corretta piramide di links.
Inoltre, è di fondamentale importanza prestare attenzione ed essere previdenti con tutti quei links dal PR 8+, poichè, considerato il loro peso, potrebbero essere controllati anche manualmente da Google, con le conseguenti misure punitive.
Relativamente ai provvedimenti di Google rispetto ai links a pagamento, LinkLift protegge l´identitá dei nostri publishers, mantenendone nascosta la url.
A tal riguardo raccomando:

Come vedi il mercato dei link in futuro?
I links rivestono, fino a prova contraria, una posizione di indubbio rilievo per i motori di ricerca. Tuttavia i motori di ricerca sono e saranno, sempre più, in grado di individuare e riconoscere quelle piramidi di links costruite innaturalmente. Lo scambio e i networks di links, già oggi individuabili dai motori di ricerca, andranno deteriorandosi fino a perdere il loro effetto.
Per questo raccomandiamo quei link che sono one side link, da pagine di autorità e con affinità di contenuto, in quanto crediamo siano gli unici a mantenere la propria efficacia.

11 Commenti

  1. marco 26 giugno 2007
  2. Tagliaerbe 26 giugno 2007
  3. harrison3001 19 luglio 2007
  4. Massimiliano Mancini 31 ottobre 2007
  5. roberto 5 agosto 2008
  6. Tagliaerbe 5 agosto 2008
  7. Silvana 9 settembre 2008
  8. Pesah 25 ottobre 2008
  9. Falco 2 settembre 2010
  10. francesco 28 luglio 2011
  11. Alessandra 18 febbraio 2014

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *